Organismi di Conciliazione

Organismi di conciliazione in materia di diritto societario, intermediazione finanziaria in materia bancaria e creditizia.

Gli organismi di conciliazione possono essere soggetti autonomi di diritto (di carattere associativo, societario o altro) ovvero essere istituiti da altri enti (ad es. una associazione, una società o altro). Gli organismi (come gli enti istitutivi) possono essere privati o pubblici. Le camere di commercio che, individualmente o in forma associata, abbiano istituito organismi di conciliazione ai sensi dell’art. 4 (recte: art. 2) l. 29 dicembre 1993, n. 580 hanno “diritto di ottenere l’iscrizione di tali organismi nel registro” (art. 38, co. 2) “su semplice domanda” (art. 4, co. 2, d.m. 222/2004).

Nel registro degli organismi di conciliazione possono iscriversi di diritto gli organismi istituiti dalla Camere di Commercio ai sensi dell’art. 4 l. 580/1993, nonché tutti gli organismi aventi i requisiti di professionalità ed efficienza indicati dall’art. 4 d.m. 222/2004.

I requisiti di cui il responsabile, tranne nei casi indicati, deve riscontrare la sussistenza sono la forma giuridica dell’ente, il suo grado di autonomia, la compatibilità della attività di conciliazione con lo scopo istitutivo, la consistenza dell’organizzazione di persone e mezzi e il suo grado di adeguatezza anche sotto il profilo patrimoniale, nonché la stipulazione di una polizza, idonea a coprire i rischi individuati nello standard approvato dal responsabile del registro (v. Modello di domanda, Appendice IV), per un massimale di importo non inferiore a 500.000,00 € per le eventuali “conseguenze patrimoniali comunque derivanti dallo svolgimento del servizio di conciliazione”, i requisiti di onorabilità dei soci, associati, amministratori, rappresentanti (non inferiori ex art.4, co. 3 lett. c, a quelli di cui all’art. 13 d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58), la trasparenza amministrativa e contabile dell’ente, ivi compreso il rapporto giuridico ed economico con i conciliatori, le garanzie di indipendenza, di imparzialità e di riservatezza nello svolgimento del servizio nonché la conformità del regolamento di procedura alla legge e delle tabelle delle indennità alle previsioni regolamentari (d.m. 23 luglio 2004, n. 223), infine la sede dell’organismo e la sussistenza del numero minimo di sette conciliatori in via esclusiva.

Possono assumere il ruolo di conciliatori i soggetti che siano in possesso di uno dei titoli abilitanti previsti (magistrati in quiescenza, professori universitari di ruolo in materie giuridiche o economiche, professionisti iscritti in albi professionali di materie giuridiche o economiche da almeno quindici anni) ovvero che abbiano svolto una specifica formazione presso gli enti accreditati e, se non iscritti in albi professionali, abbiano conseguito almeno la laurea triennale in materie giuridiche o economiche.

Ciascun conciliatore non può rendere una dichiarazione di disponibilità a oltre tre enti/organismi di conciliazione (la violazione costituendo, peraltro, illecito disciplinare per i soggetti iscritti in albi professionali o pubblici dipendenti). D’altra parte ogni ente/organismo di conciliazione (diverso dalle camere di commercio e dagli organismi camerali) deve aver ricevuto la disponibilità, in via esclusiva, di almeno sette conciliatori.

Il conciliatore assume un incarico di carattere professionale, che deve essere svolto con diligenza e correttezza, osservando l’obbligo di riservatezza su tutto quanto appreso per ragioni di servizio. Egli non può assumere alcun diritto ovvero obbligo che sia direttamente o indirettamente connesso con gli affari trattati, né possono percepire compensi direttamente dalle parti, senza la mediazione dell’ente/organismo di conciliazione presso il quale presta servizio.

Il conciliatore, all’atto dell’assunzione dell’incarico, deve sottoscrivere una dichiarazione di imparzialità per ciascun affare per il quale è designato, e deve successivamente dare immediata notizia all’ente/organismo di vicende che lo riguardino che possono avere influenza sui requisiti soggettivi nel corso della trattazione del procedimento.

Per maggiori informazioni sulla copertura assicurativa della Responsabilità Professionale, Civile e Amministrativa degli Organismi di Conciliazione chiamare il numero unico 199.199.626 e selezionare il tasto 1 poi 2 altrimenti, dopo aver scaricato la  Rubrica, Prodotti & Contatti, contattate direttamente l’interno delle persone incaricate oppure inviate una mail o un fax alla persona desiderata e sarete ricontattati entro il giorno lavorativo successivo.